Gavi del Comune di Gavi DOCG - Conti Bianco di San Secondo

Vitigno: Cortese

Zona di produzione: Comune di Gavi – vigneti della Famiglia Spinola.

Vendemmia: 2013

Grado alcolico: 12,5% vol

Caratteristiche organolettiche
Visive: colore giallo paglierino brillante con riflessi verdognoli.
Olfattive: al naso ha un profumo fine e caratteristico, delicatamente fruttato e floreale.
Gustative: al gusto è fresco, gradevole ed armonico.

Abbinamenti: da abbinare ad antipasti freddi, risotti, zuppe di pesce, crostacei e carni bianche.

Temperatura di servizio: 10°C

Curiosità: In una realtà come il Piemonte fortemente ispirata alla produzione dei vini rossi, il Gavi di Gavi Docg è da tempo in ambito enologico l’esempio più significativo dell’altra “metà del cielo”. L’abilità dei viticoltori e la passione dei cantinieri hanno saputo cogliere dai grappoli di Cortese gli attributi migliori: il colore giallo paglierino con frequenti riflessi verdolini, il profumo decisamente fragrante, ispirato dal sentore di mandorla e di nocciola, di limone e di salvia, il sapore secco, di elegante struttura, caldo e persistente.
C’è una storia di amore e di passione alle radici del nome di Gavi, come città e come vino: tutto sembra ispirato alla principessa Gavia, donna dai bellissimi capelli biondi, figlia probabilmente di Clodomiro, re di Francia, andata sposa molto giovane e contro la volontà della Corte. Il suo vagabondare, fuggendo insieme allo sposo, la portò a quanto si dice, sulle colline tra la Liguria e il Piemonte, proprio dove oggi si trova il territorio di Gavi. Qui i due giovani decisero di fermare il loro cammino, nonostante l’inseguimento dei cavalieri della Corte di Francia. Questa rincorsa verso la libertà si concluse felicemente, pare grazie all’intervento del Papa e della regina dei Goti, e così Gavia ed il suo sposo stabilirono la loro dimora sulle alture di Gavi e governarono il luogo con lungimiranza e magnanimità.
Al di là della leggenda, numerosi documenti storici raccontano di Gavi e del suo vino: al 973 appartiene il primo riferimento al castello di Gavi, che divenne marchesato con la fine del secolo XI, camminando in stretto legame con la città di Genova e seguendone le alterne fortune e le dinastie fino oltre la metà del 1800…

Informazioni aggiuntive