Nebbiolo d’Alba DOC - Conti Bianco di San Secondo

Vitigno: Nebbiolo

Zona di produzione: Piemonte

Vendemmia: 2012

Grado alcolico: 14% vol

Caratteristiche organolettiche
Visive: colore rosso rubino tendente al granato
Olfattive: al naso è etereo, complesso, caratteristico, con sentori di frutta matura.
Gustative: sapore asciutto, pieno, vellutato.

Abbinamenti: si accompagna bene a minestre saporite, carni bianche in umido, carni rosse alla griglia, baccalà e formaggi di media stagionatura.

Temperatura di servizio: 16-18°C

Curiosità: Il Nebbiolo è sicuramente uno dei vitigni più antichi del Piemonte e, senza dubbio, geneticamente uno dei più adatti, risultato ottenuto da una selezione naturale. Del nebbiolo si hanno notizie sin dal 1268, anno in cui lo si trova citato in un documento del castello di Rivoli. Anche nel ‘300 si parla di uva Nebiola e nel ‘400 il Vescovo di Torino esigeva botti di Nebbiolo invece del canone d’affitto per alcune proprietà della Chiesa.
Insieme al Barolo ed al Barbaresco, il Nebbiolo costituisce la triade dei migliori prodotti ricavati dall’uva di nebbiolo nella zona di Alba. Gli stessi Savoia, il cui amore per la buona tavola è noto, lo consideravano uno dei vini preferiti e si dice se ne servissero spesso come sottile strumento di approccio in campo diplomatico.
L’etimologia del nome è legata alle nebbie che in periodo di vendemmia, fine ottobre, salgono dal piano ancora caldo verso le fresche colline dove il Nebbiolo viene coltivato.
Alcuni vedono nel nome anche la trasposizione di “nobile”. Questo, infatti, è il vigneto che dà origine a molti vini importanti come Nebbiolo, Barolo, Barbaresco e Roero.
Nel Nebbiolo troviamo sempre una concentrazione d’aromi, mai troppo fruttati, ma di una squisita complessità, un vino di corpo eccezionale che con il tempo trova equilibri gustativi unici. La durezza del Nebbiolo è la sua caratteristica maggiore. Nessun altro vitigno è così ricco in acidità, tannino ed estratti e proprio per queste tipicità bisogna avere molta attenzione in vinificazione. Il colore di un giovane nebbiolo è sempre molto intenso e vivace, solo il tempo l’intensità del rosso diminuisce favorendo tipiche note aranciate.
Il modo migliore per degustarlo è l’utilizzo di grandi baloon, che a tavola tra un boccone e l’altro permettono una lenta ossigenazione, consentendoci di apprezzare il meglio delle sue qualità.

 

Informazioni aggiuntive