Grignolino d'Asti DOC - Conti Bianco di San Secondo

Vitigno: Grignolino

Zona di produzione: provincia di Asti

Vendemmia: 2013

Grado alcolico: 12,5% vol

Caratteristiche organolettiche
Visive: colore rosso rubino tenue.
Olfattive: profumo delicato e caratteristico con sentori di rosa.
Gustative: sapore fresco, sapido, continuo e sottile.

Abbinamenti: particolarmente delicato, è ideale compagno di antipasti, minestre, torte di verdura, pesci e carni bianche.

Temperatura di servizio: 18-20°C

Curiosità: Le prime notizie sul Grignolino risalgono al ‘700 , ma probabilmente era già noto in precedenza e usato per produrre i vini “chiaretti” diffusi nel ‘500.
La sua origine è senz’altro localizzata nei colli tra Asti e Casale, che tuttora costituiscono la principale zona di coltura, anche se si diffuse in altre parti della provincia di Alessandria. Il Grignolino era un vino molto usato alla corte dei Savoia, che avevano l'abitudine di berlo soprattutto accompagnato con il pesce, infrangendo la regola che vuole vino bianco in queste occasioni.
Certamente un vino raro e delicato, il Grignolino è un anarchico, un individualista. Viene da uve rosse, ma è più chiaro di colore in quanto è povero di antociani (i responsabili del colore); graziosamente speziato, è forse l’unico tra i rossi che si fa bere anche fresco.
Asciutto, lievemente tannico, piacevolmente amarognolo, si potrebbe definire un "rosè" naturale. Ha una gradazione alcolica non elevata, si può bere fresco e giovane, ma se fatto bene può essere conservato anche alcuni anni. Il nome gli deriverebbe da "Grignòla", vinacciolo, (dal latino “Grandeola"); altri sostengono che il nome possa derivare dal gusto acidulo, che fa "digrignare i denti", in piemontese"grignè". La parola dialettale "grignole" forse può anche indicare la presenza di molti vinaccioli nell'acino; altri pero' sostengono che derivi dal verbo "grignè" che in dialetto astigiano vuol dire ridere.
Decisamente vino “etnico” fortemente radicato ad Asti, dove si sposa ottimamente con i tanti antipasti della cucina locale. Si dice in Monferrato che se la Barbera è la moglie, il Grignolino è sicuramente l’amante!

Informazioni aggiuntive